3 semplici passi per la parità di genere

ArgentieriEducazione civica, ParitàLeave a Comment

Facciamo un esperimento. Scriviamo su Google le seguenti parole:
festa della donna
Ecco il tipo di immagini che ne escono:

Cerchiamo invece immagini con il nome ufficiale in inglese:
international women’s day

Cambiando il nome da “Giornata internazionale della donna” a “Festa della donna” assistiamo ad una improvvisa trasformazione di una seria ricorrenza in una sorta di festoso compleanno con mimose e mazzi di rose. Ma la storia che dobbiamo raccontarci è assai differente.

Questo giorno ci deve ricordare il duro percorso già fatto per avvicinarci alla parità di genere (e quello che ancora ci resta d’avanti). L’essere donna, ancora oggi in misura diversa nelle diverse parti del mondo, vuol dire essere “un passo indietro” all’uomo, da tutti i punti di vista: lavorativo, in famiglia, nella vita di tutti i giorni, in un locale, tornando a casa la sera. Se non diamo ad un altro essere umano un diritto che noi abbiamo, allora di tratta di un privilegio.

glass ceiling

Il cosiddetto “glass ceiling” (soffitto di cristallo” si riferisce all’invisibile ostacolo che le donne trovano per arrivare allo stesso livello degli uomini, soprattutto nell’ambito lavorativo.

Chi ha un privilegio non lo vede. Il privilegio è una lastra di diamante: perfettamente trasparente, indistruttibile. Chi è dalla parte svantaggiata ci sbatte contro senza possibilità di scalfirlo; chi è dalla parte privilegiata non si pone neanche il problema della sua esistenza. In molti casi, il privilegiato sa che la condizione dall’altra parte è peggiore della sua, lo sa, e non ha alcun interesse a rimuovere il privilegio.

Non riusciremo mai a dare la piena parità di genere a favore di bambine, ragazze e donne se non coinvolgiamo i bambini, i ragazzi e gli uomini. In poche parole: l’obiettivo per la parità di genere è di tutti.
Vi sentite smarriti e non sapete come fare? Ecco tre semplici accorgimenti per notare quando facciamo o gli altri fanno azioni o commenti sessisti e cosa possiamo fare per aiutare il cambiamento.

Risultato immagini per ferro da stiro giocattolo

QUESTA È PIÙ ROBA DA DONNE
Chi ti dice che tutte le donne voglio fare quella cosa? O che nessun uomo voglia farla? I ruoli di genere sono costruiti culturalmente e cambiano col passar del tempo. Per esempio, prima le donne non indossavano pantaloni ed erano le uniche a prendersi cura dei figli. Ti risulta sia ancora così?
Aiutiamoci a scegliere quello che vogliamo al di là del tipo di genitali che abbiamo.

QUESTA È ROBA DA FEMMINUCCE
Le cosiddette “femminucce” sono coloro che, in buona parte del regno animale, sopportano il dolore probabilmente più insopportabile di tutti: il travaglio e il parto. Alcuni maschi hanno provato lo stesso tipo di dolore grazie ad un apparecchio e hanno supplicato di fermare l’esperimento!
Aiutiamoci a scardinare le associazioni “femmina=debole” e “maschio=forte”.

Risultato immagini per SEXISM

PENSO CHE QUESTO COMMENTO SIA SESSISTA
Dillo. Se pensi che un commenso sia sessista, dillo apertamente, tranquillamente, in modo che l’altra persona possa spiegarsi e capire cosa vuoi dire. Non ridere a commenti sessisti, non incoraggiare quelli fatti. E non arrabbiarti: siamo tutti nati in una cultura sessista.
Se non facciamo nulla, nulla cambia. Se facciamo qualcosa, creiamo movimento per il cambiamento.